domenica 29 giugno 2014

Nella vita tutto torna


Tutto torna

Nella vita tutto torna.
Immagino che non sia la prima volta che senti pronunciare questa frase.
Magari l’hai ripetuta molte volte anche tu stesso, in diversi momenti e per i più svariati motivi.
Io sono convinto che la nostra vita sia un “cerchio” e che, in un modo o nell’altro, quello che dai torna indietro.
Forse non nel senso stretto del termine, o non nel modo in cui certe persone – piuttosto frettolose nel giudicare – potrebbero pensare.
Se do 100€ ad una persona, forse nella vita non le riavrò mai indietro.
Ma forse riavrò indietro altro: energia, nel senso più ampio del termine.
Il problema non è cosa e come torna indietro.
Il problema è l’aspettativa.
Ragazza urlante
Nooo Cicci al concerto no…
Un nemico subdolo e strisciante, più dannoso di Cicci D’Alessio al concerto del Primo Maggio…

La C o la Q?

Guardati bene allo specchio e chiediti se quando sei gentile con qualcuno lo sei e basta, con il Cuore, oppure lo sei e ti aspetti che lui ricambi in qualche modo, e quindi lo sei con il Quore.
Qual è la tua motivazione reale?
Sei una C, e quindi lo fai per riempire il cuore di altri, e poi il tuo?
Oppure
Sei una Q, e lo fai perché vuoi che quel gesto ti venga riconosciuto?
Mmm… non hai capito chi siano le persone Q? Hai presente quelle che fanno un gesto cortese – aprire la porta a qualcuno, cedere il posto ad un anziano sul bus, ecc. – e poi si incazzano perché chi lo riceve non ringrazia? Ecco…
Sicuramente quello Q può sembrare un atteggiamento “normale”, ma chi mi conosce sa anche che la parola “normale” non ha grande spazio nel mio vocabolario. ;-)
Eh, ma Panda… se faccio qualcosa per qualcuno, è giusto che lui mi ringrazi!
Giusto…
Giusto per chi? :-)
Giusto perché da piccolino ti hanno insegnato che si ringraziano le persone?
Giusto perché se ti comporti male vai all’Inferno?
Giusto perché altrimenti ti senti in colpa?
Sarebbe bello avere una computer abbastanza potente per tenere il conto di quanti casini hanno combinato le parole “giusto” e “sbagliato”, nel mondo. Altro che “stragi del sabato sera”…
Dare senza aspettarsi di ricevere, ecco il primo segreto.
Che non vuol dire assolutamente “dare sapendo che l’altro non farà mai niente per te”.
Il discorso è molto più semplice ed allo stesso modo molto più potente: nel tuo cuore e nella tua testa il pensiero di ricevere non è proprio presente. Quando dai sei nel famoso “qui ed ora” e c’è spazio solo per quello che fai.
Il secondo segreto invece é molto più difficile da applicare, e per esprimerlo userò le parole di una persona piuttosto nota, che un bel giorno disse:
Perché stai a guardare la pagliuzza nell’occhio di tuo fratello e non ti accorgi della trave che hai nel tuo?
X Factor: sto arrivando!
X Factor: sto arrivando!
Ti avverto però che non ho alcuna pretesa né di redimere anime, né di farmi crocifiggere per i tuoi peccati, anche perché ogni volta che vedo la pubblicità di X-Factor vorrei compiere un peccato carnale utilizzando un remo da gondola.

Fin da piccoli ci hanno sempre tartassato le menti con la tiritera che non si deve essere egoisti, che non bisogna pensare solo a sé stessi ma anche agli altri e blablabla…
Benissimo.
Ottima idea, ci mancherebbe.
Ed applicando lo stesso metro di giudizio, non è forse essere egoisti anche pretendere che qualcuno si comporti come noi vogliamo che faccia? :-)
Invece io ti dico di essere veramente egoista, ma non nel senso che ti hanno propinato finora.
Essere egoista in una maniera utile, efficace e, soprattutto, ecologica – nel senso di impatto positivo sull’ambiente in cui vivi.
Insomma, egoista alla Pandamaniera:
Concentrati su ciò che tu puoi fare per migliorare il mondo intorno a te, e lascia scorrere gli “errori” che credi di vedere negli altri.
Come puoi notare, ho parlato di errori che credi di vedere. Perché il fatto che siano errori per te, caro amico, è totalmente ininfluente per quel che riguarda il Destino del Mondo… :-)
Quello che tu credi errato, per quanto possa sembrarti maiuscolo ed inconfutabile, per altri può essere totalmente e magnificamente corretto.
Quindi metti il focus su di te e su quello che tu puoi fare.
Il resto buttalo nel cesso e tira l’acqua almeno 3 volte. ;-)
Io credo che se ognuno di noi facesse un solo piccolo gesto verso un’altra persona, un gesto totalmente disinteressato, perché dettato dal Cuore, si creerebbe una vera e propria “Onda Energetica Positiva” che potrebbe aprire molti cuori.

Essere gentile senza aspettativa ti permetterà di percepire intorno a te un’energia totalmente diversa.
Ti permetterà di vivere nel Cerchio.
Ti permetterà di notare quello che “torna indietro”.
Che poi, di Cerchio ne avevo già parlato in un mio vecchio articolo, che puoi trovare qui: http://www.effettopanda.com/pandarticoli/il-potere-della-gratitudine
Se vuoi vedere cosa succede quanto “tutto torna”, guarda il video alla fine dell’articolo.
Guardalo con il Cuore, quello con la C.
Fai caso a come reagisce ognuna delle persone che “riceve”.
E poi… agisci.
Io mi commuovo ogni volta che lo vedo.
Lo so, lo so… sono un vecchio Panda sentimentale.
E adesso muoviti, prima che mi incazzi. :-D 


http://www.effettopanda.com/motivazione/nella-vita-tutto-torna

2 commenti:

  1. A quanto pare fra vecchi panda ci si riconosce... :-)
    Bello sia il pensiero positivo che hai trasmesso e il video che me ne ha rammentato un altro che aveva condiviso Rosanna e pensavo di aver memorizzato il suo indirizzo ma non l'ho trovato basato sulla parola Change... :-)

    RispondiElimina
  2. Già è vero . . :-), grazie per aver apprezzato Mauri M.

    RispondiElimina